Praslin, Seychelles - La riserva della Vallèe de Mai (S 4° 19' 57" - E 55° 44' 48")


Nel cuore della piccola isola di Praslin , la riserva naturale di Vallée de Mai è un parco naturale ed un patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. 


La riserva è una foresta di palme protette costituita da specie endemiche di cocco dell’arcipelago delle  Seychelles. Infatti, solo qui (e nella vicina isola di Curieuse)  nasce spontaneamente  il famoso (e curioso) Coco de Mer, che una volta si credeva nascesse  nelle profondità del mare. Il seme del  Coco de Mer  è il più grande seme del regno vegetale. Le foglie di questa straordinaria varietà vegetale,  misurano 6 metri di larghezza e 14 di lunghezza mentre la palma raggiunge altezze superiori a trenta metri. Il seme gigante è il simbolo delle Seychelles. 

I grandi e curiosi semi del Coco de mer 

Qui, si trova anche un’infinità di altre varietà di palme meno affascinanti del malizioso coco de mer;  boschetti di bois rouge, felci giganti, orchidee della vaniglia, alberi takamaka, ananas selvatici, bambù, manghi e banani.
Passeggiare nei numerosi sentieri tracciati nella foresta, è piacevole e costituisce una valida alternativa alla vita da spiaggia. 

I sentieri tracciati nell'intricata e verdissima foresta

Le enormi foglie delle grandi palme schermano la luce del sole garantendo una ombreggiatura uniforme ma la temperatura e l’umidità restano comunque molto elevate. Sotto questa volta vegetale, si è sufficientemente protetti anche in caso di pioggia.  
Le enormi foglie del Coco de Mer

Qui regna il silenzio, violato solo dal richiamo degli esotici volatili e dal frusciare delle enormi foglie mosse dalla brezza marina. Nella riserva, sgorgano anche le più importanti sorgenti di acqua dolce dell’isola.
Un'altra caratteristica unica del parco è rappresentata dalla sua fauna selvatica che include specie endemiche di uccelli, mammiferi, crostacei, chiocciole e rettili. Gli appassionati di birdwatching considerano la riserva di Vallée de Mai come un sito di estrema importanza. Qui è possibile osservare diverse specie endemiche, tra cui il bulbul delle Seychelles (una specie di Merlo), il piccione blu (una varietà di piccione che si nutre di frutta), il luì delle Seychelles e il rarissimo pappagallo nero , di cui sono rimasti forse meno di 100 esemplari viventi.



(tutte le foto sono di Graziano e Daniela Lenci)



Commenti

Post popolari in questo blog

Thailandia: La vera storia del ponte sul fiume Kwai

New York City (40° 42' 51" N - 74° 0' 21" W)

Il Capo delle Tempeste e la nascita dei primi insediamenti Europei.