Tulum (20° 12' 41" N - 87° 27' 55" W)



El Castillo, lo spettacolare edificio costruito a picco sul mar dei caraibi fu probabilmente il primo segno di civiltà che fu avvistato dalle vedette della flotta di invasione Spagnola il 3 marzo 1517.

El Castillo

Tulum fu uno dei pochi insediamenti Maya che ancora era abitato quando arrivarono gli spagnoli nel 1517 sotto il comando di Juan de Grijalva.

Meta di turisti provenienti da tutto il mondo, il fascino di Tulum è dato anche dalle sue spiagge di sabbia finissima, tipiche della costa caraibica dove è facile vedere tartarughe marine, trigoni e delfini. Ricca anche la presenza di banchi corallini in buono stato di conservazione. 



Le rovine archeologiche di Tulum sono l'attrazione principale della zona. Il nome Tulum, che in lingua maya significa “recinto” o “muraglia” e si riferisce alle mura che  la proteggevano, gli venne dato in epoche recenti quando la città era già abbandonata e in rovina. Il nome originale della città era invece Zamá, che significava "alba, mattino" si riferiva alla sua situazione nella costa ovest e all’allineamento ponente-levante dei suoi edifici costruiti per essere utilizzati anche come osservatori astronomici.




Le spiagge di Tulum, caratterizzate da sabbia bianca intervallata da zone di roccia, fino alla metà degli anni ottanta erano molto poco frequentate, e appannaggio della cultura hippy. Nell’ultimo ventennio  un grande e disordinato sviluppo delle infrastrutture alberghiere  ha completamente snaturato la costa della penisola dello Yucatàn.

Anche se si sono incontrate iscrizioni, del secolo VI, la maggior parte degli edifici furono costruiti attorno all’anno 1200, momento in cui Tulum (Zamà)  raggiunse il massimo del  suo splendore. Durante questo periodo, le attività commerciali degli abitanti del sito, si estendevano a punti distanti, come dimostra il ritrovamento di oggetti di silice e vasi di ceramica provenienti da tutta la penisola dello Yucatan; ossidiane e giade del Guatemala, e campanelle e anelli di rame provenienti dagli altipiani  del Messico centrale.

Tulum è il migliore e più conosciuto esempio dello stile costa orientale, nome con il quale si identifica il tipo architettonico degli edifici maya costruiti nella costa nord di Quintana Roo tra il 1200 e 1520 della nostra era. Trovandosi sull’altura più elevata della regione e per il suo efficiente sistema difensivo, questo sito era un insediamento ineludibile per qualsiasi rotta commerciale e per lo sfruttamento delle cospicue risorse marittime della costa di Quintana Roo.

Gli attuali residenti del sito sono pacifiche Iguane di discrete dimensioni che passano le giornate a crogiolarsi sotto lo spietato sole caraibico.


Iguane al sole

La zona archeologica di Tulum, probabilmente la più conosciuta della Riviera Maya, si trova dentro ill Parque Nacional omonimo,  dichiarato come tale il 13 aprile del 1981.






Commenti

Post popolari in questo blog

Thailandia: La vera storia del ponte sul fiume Kwai

New York City (40° 42' 51" N - 74° 0' 21" W)

Il Capo delle Tempeste e la nascita dei primi insediamenti Europei.