Mauritius: Il parco naturale di Chamarel e il mistero delle terre dai colori cangianti



Sul versante sud occidentale dell'isola di Mauritius, la chimica vulcanica ha dato vita ad uno degli spettacoli più suggestivi che la natura è in grado di offrire: le Terre di Chamarel.
  
La zona è recintata e per raggiungerla è necessario pagare un biglietto. Il turismo selvaggio degli
ultimi anni, infatti, e la consuetudine di portarsi a casa dei souvenir paesaggistici hanno messo a repentaglio l'incontaminazione del luogo. Per giungervi si passa attraverso una strada sterrata di terra rossa circondata da piantagioni di ananas, banane e caffè.

La lussureggiante vegetazione Mauritiana


Percorsa una breve distanza, appare agli occhi del visitatore un altro panorama mozzafiato: quello delle Cascate di Chamarel .  Alte oltre 100 metri, sono visibili da un belvedere situato su un'altura proprio di fronte al salto.

Le Cascate di Chamarel


Le cascate si formano dal salto dei fiumi St.Denis e Viande Salee e sono immerse in una rigogliosa vegetazione.


Circa un chilometro dopo le cascate si raggiungono le Terre colorate di Chamarel. Una volta sul posto, la veduta lascia senza fiato: una collina, priva di vegetazione, composta da dune di roccia e sabbia appare come un caleidoscopio animato e pulsante. Si distinguono 7 colori, dal giallo al viola, passando per il rosa e blu. Oltre a infinite sfumature che si avvicendano di continuo rendendo la zona sempre differente agli spettatori attoniti.

Le terre colorate di Chamarel


L'esposizione alla luce, specie al mattino presto o alla sera prima del tramonto, ne amplifica l'incanto. Quando piove, poi, le tinte di mescolano e la collina sembra un mare in tempesta modellato dall'estro di un artista. Non è finita perchè una volta che il sole torna a splendere, la mescolanza dei colori lascia di nuovo posto alla distinzione e le 7 gradazioni di colori tornano visibili.

Mistero? Come Mauritius, le terre colorate hanno origine vulcanica. Il materiale che costituisce le dune proviene da rocce vulcaniche che, nel corso degli anni, si sono raffreddate con tempi, modalità e temperature differenti. Successive eruzioni hanno fatto si che si depositassero diversi strati di materiale vulcanico sviluppando i 7 colori.


Perchè i colori tornano distinti? Secondo alcuni studiosi, è probabile che le particelle di sabbia si ridispongano in base al loro peso specifico ma, attorno a questo fenomeno, ci sono ancora dei forti dubbi.

(Tutte le foto sono di Graziano e Daniela Lenci)

Commenti

Post popolari in questo blog

Thailandia: La vera storia del ponte sul fiume Kwai

New York City (40° 42' 51" N - 74° 0' 21" W)

Il Capo delle Tempeste e la nascita dei primi insediamenti Europei.