Al mercato.



Una cosa da fare assolutamente, quando si è in viaggio, è andare al mercato.
In special modo in Asia, i mercati si trovano dappertutto ed offrono ogni genere  di mercanzia perlopiù  in tema di cibo.



Il visitatore Europeo, mi prendo ad esempio, ha spesso un’impatto tutt’altro che favorevole quando si inoltra nel dedalo di anguste e polverose viuzze formate da bancarelle di ogni genere e dimensione. A causa del caldo asfissiante, dell’umidità assurda e di tutta una serie di penetranti profumi che stordiscono, verrebbe quasi voglia di fare dietrofront e tornarsene in strade, magari dal traffico caotico ma con un po’ più di aria.


Poi però, la moltitudine di colori e di merci sconosciute riaccende in me la voglia e la curiosità di conoscere meglio il paese che sto visitando ed allora mi perdo nella bolgia fino a che mi accorgo di essere disfatto dalla stanchezza e, consultando l’orologio, scopro che mi sto aggirando nel mercato non da minuti ma da ore.


Se avete la fortuna di poter visitare il mercato di prima mattina, godrete di un’atmosfera un po’ meno pesante, di un minor affollamento e magari potrete assistere al rito scaramantico dei commercianti che, alla prima vendita della giornata, sfiorano con la banconota che gli avete dato in pagamento tutta la merce della bancarella; in questo modo, dicono di assicurarsi che le vendite della giornata saranno proficue.

 

Comunque, se posso dare un consiglio, non scoraggiatevi, trenete duro all’inizio e poi anche voi verrete inesorabilmente attratti dalla magia dei mercati.

(Tutte le foto sono di Graziano e Daniela e sono state scattate a Bangkok)

Commenti

Post popolari in questo blog

Thailandia: La vera storia del ponte sul fiume Kwai

New York City (40° 42' 51" N - 74° 0' 21" W)

Il Capo delle Tempeste e la nascita dei primi insediamenti Europei.