Beijing (Pechino) - La porta della pace celeste.


Tienanmen (o Tien'anmen), letteralmente Porta della Pace Celeste, è uno dei più celebri monumenti di Pechino, spesso usato come simbolo nazionale della Cina. Costruita per la prima volta durante la dinastia Ming, nel 1420, è spesso, a torto, ritenuta l'ingresso principale alla Città Proibita. Ufficialmente, infatti, la Porta meridionale La porta Tienanmen si trova sul lato settentrionale di piazza Tienanmen.
Inizialmente la porta era chiamata Chengtianmen,("Porta dell'accettazione del mandato del cielo") e nel corso della storia è stata distrutta e costruita più volte. La prima costruzione risale al 1420, ed era una replica della porta a forma di paifang del palazzo imperiale di Nanchino, dalla quale ereditò il nome Chentianmen. La porta fu colpita da un fulmine nel luglio del 1457 e bruciò completamente. Nel 1465, l'Imperatore Chenghua ordinò a Zi Gui , Ministro dell'ingegneria di ricostruire la porta, e il progetto fu cambiato, passando dall'originale paifang all'attuale grandiosa porta d'accesso. Ha subito un altro danneggiamento durante la guerra alla fine della Dinastia Ming, quando nel 1644 fu bruciata dai ribelli capeggiati da Li Zicheng. A seguito dell'insediamento della dinastia Qing, la porta fu ricostruita nel 1645 e le venne dato il nome di Tienanmen alla fine della costruzione, sei anni dopo.


È stato recentemente rivelato da Nuova Cina che il governo cinese ha ricostruito la porta Tienanmen nel 1969-70, fingendone una ristrutturazione. La porta, ormai cinquecentenaria, era infatti molto deteriorata, anche a seguito del pesante uso degli anni sessanta, quindi il premier Zhou Enlai ordinò di ricostruirla in segreto, dopo averla fatta ricoprire di impalcature.

************************************************************************************************************************************************************************************************

La Cina, questo enorme paese troppo spesso associato a vicende politiche o economiche, ha anche un immenso bagaglio storico, culturale e naturale. Siamo andati in Cina nel 2007, l'anno prima delle Olimpiadi, e siamo rimasti di sasso di fronte ad opere architettoniche come la grande muraglia che fino ad allora avevamo visto solo in foto o nei tanti documentari aventi per oggetto questo grande paese.

Vedere dal vivo la tentacolare capitale Beijing ha causato in me lo scatenarsi di grandi emozioni ed ha scaldato il mio entusiasmo fino a farmi dimenticare il vento tagliente e l'aria frizzante di quei bellissimi giorni novembrini.

Questo è stato un viaggio molto speciale anche per un'altra ragione; è stato il primo organizzato interamente da mia moglie senza ricorrere ad agenzie od intermediari vari. 
E' speciale anche per un'altro curioso aneddoto che magari racconterò più avanti su questo Blog. 

Le tappe del viaggio sono state: Beijing, Xi'An, Shanghai ed Hong Kong. Quello che abbiamo visitato in queste tappe sarà materia di futuri post.


(Foto Graziano e Daniela Lenci)


Commenti

Post popolari in questo blog

Thailandia: La vera storia del ponte sul fiume Kwai

New York City (40° 42' 51" N - 74° 0' 21" W)

Il Capo delle Tempeste e la nascita dei primi insediamenti Europei.