Un viaggio molto profumato: I campi di Lavanda Provenzali.


Passeggiare nei i campi di  lavanda, sotto il sole cocente,  con il vento che fa ondeggiare gli steli  facendoli sembrare onde in movimento, con l’incredibile ronzio di milioni di api affaccendate intorno ai coloratissimi fiori e con l’inebriante profumo che quasi stordisce è una delle esperienze più appaganti ed emozionanti che si possono vivere in Provenza, fra villaggi medievali meravigliosamente arroccati su aspre rupi rocciose, suggestive Abbazie e attrattive naturali che lasciano a bocca aperta.

Le profumate e colorate coltivazioni di Valensole


Pianta preziosa già per gli antichi Romani che mettevano mazzetti di fiori nell'acqua dei bagni termali, la Lavanda  Officinalis veniva utilizzata già allora come base per raffinati profumi e per preparare decotti e infusi usati per la bellezza della pelle e dei capelli.
In un passato più recente sappiamo che in ogni casa di città o di campagna non c'era armadio o cassettone che non avesse sacchettini di lavanda per profumare la biancheria e tenere lontane le tarme. Questa delicata consuetudine sta tornando ora di moda e ci ricorda antiche tradizioni e sensazioni di pulizia e cura per la casa.



La Lavanda cresce tuttora spontanea sulle Alpi e sugli Appennini dai 300 ai 1000 mt di altezza. Predilige i luoghi aridi e sassosi, preferibilmente calcarei, esposti al sole e ben drenati e cresce in arbusti alti dai 30 ai 60 cm. Fiorisce in estate colorando le campagne di una intensa tonalità di  azzurro/viola.



La raccolta viene fatta in periodi diversi a seconda dell'utilizzo dei fiori (per l'erboristeria o per la distillazione), generalmente si comincia nel mese di luglio e si procede fino ad agosto, anche a seconda della zona, dell'andamento climatico e della varietà.

La pianta di Lavanda Officinalis

La massima concentrazione di campi coltivati di lavanda che si perdono a vista d’occhio si trova senza dubbio nella piana di Valensole, in alta Provenza ma forse il luogo più fotografato in assoluto quando si parla di Provenza e di Lavanda è l’Abbaye di Notre Dame de Sénanque nei pressi di Gordes, un altro meraviglio borgo “appollaiato” sulla cresta di una montagna rocciosa. In questo paese, tra l’altro, sono state girate diverse scene del film “un’ottima annata” con Russel Crowe.

L'abbazia di Notre Dame de Senanque (II sec.)


Il periodo migliore per effettuare questo inebriante viaggio è dopo la metà di luglio, quando sarà possibile assistere a uno dei momenti più coinvolgenti dell’anno, la raccolta della lavanda, cui seguono bellissime feste popolari che celebrano questo evento.



Non mancate di provare o di acquistare uno dei tanti prodotti che vengono realizzati a base di lavanda nelle mille e mille distillerie storiche e negozietti vari che incontrerete un po’ ovunque: sarà un modo per riportare con voi a casa un po’ di questa magica atmosfera.


Io, immerso nei colori e nei profumi Provenzali

Commenti

Post popolari in questo blog

Thailandia: La vera storia del ponte sul fiume Kwai

New York City (40° 42' 51" N - 74° 0' 21" W)

Il Capo delle Tempeste e la nascita dei primi insediamenti Europei.