L’Orient-Express e il Pera Palas Oteli


Questa storia sembra tratta da un film di spionaggio d’altri tempi. Un film in bianco e nero senza effetti speciali e senza la violenza estrema dei films contemporanei ma con un romanticismo ormai dimenticato.

…….C’era una volta un hotel molto speciale, frequentato da spie, avventurieri, scrittori e registi. Nelle sue stanze politici e artisti,  Re, Regine e capi di Stato hanno amato, tramato e odiato. …C’era una volta… e c’è ancora!

L'entrata dell'Hotel

Nel  tardo ‘800, il mezzo di trasporto più comodo e  lussuoso per viaggiare nella vecchia Europa era il treno; ma non un treno qualsiasi. Nel 1883 la Compagnie Internationale des Wagons-Lits pensò di offrire ai facoltosi viaggiatori che dovevano spostarsi sulle lunghe distanze un servizio di prim’ordine. Fu così si pensò di allestire un convoglio ferroviario equipaggiato con tutti i migliori ritrovati che la tecnica metteva a disposizione. Il convoglio avrebbe collegato Parigi (Gare de L’est) a Costantinopoli, l’odierna Istanbul. Poiché il viaggio si svolgeva verso est, il convoglio fu chiamato Orient-Express.

La locandina pubblicitaria dell'Orient-Express

Una volta a destinazione, la compagnia pensò bene di continuare ad offrire servigi di lusso ai suoi viaggiatori permettendo loro di ritrovare, al capolinea orientale, un alloggio paragonabile in eleganza e comfort a quanto erano abituati in Europa,  costruendo un’albergo che fosse all’altezza degli sfarzi dell’Orient-Express. I lavori iniziarono nel 1892 e si conclusero nel 1895. La zona scelta fu il quartiere di Tepebaşı, nel distretto di Pera con vista sul Corno d'Oro e sulla penisola di Istanbul. Per questo, l’albergo fu chiamato Pera Palas Oteli. L'architetto responsabile del progetto, il Franco-Turco Alexander Vallaury, già ideatore dei progetti per la costruzione della  sede centrale della Banca ottomana e del museo archeologico di Istanbul, diede all'edificio un taglio ibrido tra il neoclassico, l'art nouveau e lo stile orientale, tipico dell'architettura locale del XIX secolo.

Il Pera Palace Oteli

In quei tempi, Il Pera Palas Oteli esordiva come una meraviglia tecnologica. Si trattava del primo edificio con un impianto di alimentazione elettrica; Era dotato di impianti idrici con  acqua fredda e  calda e del primo ascensore a trazione elettrica di Istanbul. Le camere da letto erano illuminate da lampadari in vetro di Murano e i bagni  rivestiti in pregiato marmo di Carrara.

Uno sfarzoso salone


Particolare dei lussuosi interni



L'impianto dell'ascensore

Per le sue caratteristiche, il Pera Palas  divenne ben presto il centro della mondanità, il  posto per vedere ed essere visti. Le sue sale spaziose, illuminate da magnifici lampadari, ospitarono a più riprese importanti  ricevimenti  con ospiti illustri provenienti da tutto il mondo.

Nel dicembre del1918 l'imprenditore greco Bodossakis Athanassiades, acquistò l’Hotel dalla Compagnie Internationale des Wagons-Lits per la somma di 5.250.000 Franchi e spese altri 1.500.000 Franchi per il restauro nel periodo immediatamente successivo, allo scopo di trasformarlo in uno dei più lussuosi hotel d'Europa e nel centro degli eventi mondani di Costantinopoli. Nel 1922 l'armata greca fu sconfitta in Asia Minore e Bodossakis si spostò ad Atene. Nel 1923 il nuovo Stato Turco si impossessò del Pera Palas.



Nelle sue stanze,  hanno alloggiato diverse personalità, tra cui il primo presidente della Repubblica di Turchia Mustafa Kemal Atatürk, Pierre Loti, Agatha Christie, Ernest Hemingway, re Edoardo VIII, l'imperatore d'Austria-Ungheria Francesco Giuseppe, Sarah Bernhardt, Otto Hahn, Alfred Hitchcock e Jacqueline Kennedy Onassis.

La stanza 101, in cui era solito alloggiare Atatürk è stata adibita a museo in occasione del centesimo compleanno dello statista, e ospita ora una collezione di libri turchi e stranieri, riviste, cartoline, e medaglie.

Nella camera 411, invece, Agatha Christie scrisse buona parte del libro "Assassinio sull'Orient Express".




Dopo aver conosciuto stagioni  gloriose e anni di lento, inesorabile declino, nel 2006 il Pera Palas  è stato chiuso e, dal 2006 al 2008, ha subito una completa ristrutturazione. Oggi l'hotel è una vera e propria attrazione turistica per la città e, oltre a essere uno degli alberghi più lussuosi è visitabile liberamente dai turisti.




Commenti

  1. Ho trovato interessante la vostra ricostruzione della storia dell'hotel. Se volete qui potrete trovare una mia recensione del soggiorno.
    https://thesavvyhedonist.com/pera-palas-istanbul/

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Thailandia: La vera storia del ponte sul fiume Kwai

New York City (40° 42' 51" N - 74° 0' 21" W)

Il Capo delle Tempeste e la nascita dei primi insediamenti Europei.